DOPO UNA GARA DUE INTENSA E NERVOSA, CUSSIGNACCO E’ SUPERATA: EMT OMA LA SERIE B E’ TUA!

19.05.2019

Pubblico delle grandi occasioni sabato sera alla Palestra Zardini con un tifo gialloblù folto e caloroso e che non ha smesso un attimo di sostenere le proprie beniamine, soprattutto in un quarto finale al cardiopalma. Dall'altra parte, egualmente numerosi e corretti i tifosi friulani che hanno sospinto le locali a giocare alla pari con le più quotate salesiane. Dunque una gara due molto equilibrata, in cui alla fine sono riuscite a prevalere le giuliane grazie alla maggior esperienza, mentre le friulane nell'ultimo quarto si sono fatte prendere dall'ansia da "dentro i fuori" e hanno finito per dare semaforo verde ad una formazione quale quella giuliana che, partita l' estate scorsa con ben altri obiettivi, ha centrato, almeno, il mantenimento della categoria. Ma veniamo alla cronaca del match.

Nel primo quarto, leggera prevalenza Emt che con due triple consecutive di Sara Tence e di Stefania Filippas prende sei punti di vantaggio, immediatamente recuperati dalle folate offensive delle giovani del Cussignacco che chiudono il quarto sotto di due (8:10).

All' inizio del secondo quarto le giuliane si fanno prendere dal nervosismo a causa di alcune discutibili decisioni arbitrali. Coach Jogan protesta vivacemente e viene punito con un tecnico. Dopo una fase un po’ confusa, le gialloblù riescono a riprendere in mano le fila del match e con tre triple di Capolicchio, Milic e Filippas si portano nuovamente sul + 4. Ma bastano pochi minuti a Cussignacco per ricucire il distacco, approfittando di alcune ingenuità offensive delle salesiane, andando al riposo lungo sul 23 a 22.

Nel terzo quarto, sono le friulane a prendere il largo portandosi a più sette, sul 31 a 24. Jogan riordina la difesa delle sue ragazze, ordinando una bella zona in cui giganteggiano Stefania Sacchi e Veronica Abrami, con l'Emt che ricuce il distacco con buone soluzioni di Castelletto, Capolicchio e Filippas. Nel finale di quarto, la stanchezza si fa sentire e gli errori si susseguono da entrambi i lati del parquet. Il parziale del quarto segna otto pari, a confermare la netta prevalenza delle difese sugli attacchi. 

Negli ultimi dieci minuti, le giocatrici mettono in campo tutta l'energia di cui sono ancora capaci. È l'Emt che, sia pure con qualche difficoltà, segna una leggera prevalenza. Sono Veronica Abrami ed Elena Capolicchio (con una bellissima tripla) a prendere in mano la squadra. A due e quaranta dal termine è ancora la Capolicchio a segnare il più 4, seguita dalla Abrami che ci porta sul 46 a 40. È a questo punto che le ragazze friulane, oramai con l'acqua gola, moltiplicano gli sforzi e ricuciono ancora una volta sul 44 a 46. Le giuliane nell’ultimo minuto fanno valere la loro maggior esperienza e mentre le locali sbagliano ripetutamente dalla linea della carità, sono la Capolicchio ed Alice Policastro a mettere a segno un tiro libero a testa (l'unico, importantissimo punto di tutto il match per Alice!), che fissano il punteggio sul 48 a 44 finale. 

Seguono pianti liberatori delle ragazze gialloblù e spumanti a centro parquet, tenuti in fresco per l'occasione. Che dire? L'Emt Oma conquista sul campo il diritto a giocare in B anche la prossima stagione, ma quanta, quanta fatica per salvare la categoria al termine in di un campionato tribolato e rivelatosi molto più difficile di quanto preventivato .

Cussignacco - Emt Oma Basket 44:48 (8:10; 23:22; 31:30)

Emt Oma: A. Policastro 1, Castelletto 7, Capolicchio 11, Tence 6, Abrami 6, Sacchi 2, Milic 5, Filippas 8, Manin, Cattaruzza, F. Policastro n.e. All.: Jogan

Cussignacco: Toniutti 7, Mizzau M. 1, Mizzau A., Beltrame 2, Lestani 2, Lazzaro 10, Quaragnal n.e., Salomoni 9, Mio 5, Poletto 4, Esposito 4, Stefanini n.e. All.: Milani

 

 

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Please reload

Please reload

Copyright © 2017 OMA Basket Trieste tutti i diritti riservati è vietata la riproduzione anche parziale se non autorizzati.

  • Facebook B&W
  • Instagram B&W