DERBY NERVOSO, EMT OMA NON RIESCE A VINCERE L'INTERCLUB

14.10.2018

Dopo una partita brutta e nervosa, l’Interclub si conferma bestia nera dell’Emt e porta a casa i due punti dalla Don Milani. Il primo quarto però lasciava presagire una partita completamente diversa. Infatti, anche sulla spinta di un gran pubblico in cui aveva fatto la comparsa a sorpresa la "tedesca" Anna Gottardi e di un parterre in cui eccelleva la presenza di una gloria del basket triestino e nazionale quale Giulio Iellini, le mule triestine iniziavano con la solita impenetrabile difesa e in attacco facevano valere il loro maggiore tasso tecnico con dei pregevoli canestri ben distribuiti tra tutte le effettive, chiudendo il quarto sul 18 a 11. Muggia in questo frangente segnava un solo tiro su azione, incrementando il suo magro bottino solo grazie ai tiri liberi. Nel secondo quarto era la panchina muggesana, ben guidata da coach Mura, a registrare la difesa delle sue e a perforare, soprattutto con Mervich, la difesa delle gialloblú. Le padrone di casa invece iniziavano a litigare con il canestro segnando con il contagocce. Si va a riposo sul +1 per l’Interclub. Nel terzo quarto ulteriore accelerazione di Muggia che prendeva il largo sospinta tanto dalla fisicità delle sue giovani che dalle triple della Silli e della solita Mervich. In questo frangente alla capitana Sacchi (importantissima nello scacchiere di Jogan) vengono fischiati il quarto e il quinto fallo in successione, entrambi molto dubbi, il che ha complicato i piani alla panchina di casa. Si entrava negli ultimi dieci minuti sul 45 a 37 per Muggia con le padrone di casa che non davano mai la sensazione di poter riprendere in mano la partita, anche grazie ai ripetuti errori sia in azione che nei tiri liberi. L’ultimo quarto inizia con una bomba di Silli che fa volare l’Interclub a +10 e la coppia arbitrale (apparsa in difficoltà in più di qualche frangente) decide di fischiare il quinto fallo ad un’altra pedina importante qual è Alice Policastro. Alla fine della partita mancavano 8’ e la situazione in casa Emt era veramente difficile. Nonostante questo, con un’ottima difesa, le gialloblù riescono a bloccare l’attacco ospite (soli 8 punti negli ultimi 8’ per loro) e in attacco segna finalmente una bomba Darma Milic (sarà l’unico canestro dai 6,75 per la fromboliera di Repen). L’Emt così con una prova d’orgoglio si avvicina a -5 a 2’ dalla fine. Ma era solo un’illusione perché il canestro continuava a restare chiuso a chiave per le salesiane con le muggesane che non si scomponevano più di tanto e chiudevano il derby sul 56 a 49. Che dire? Ha vinto indubbiamente la squadra che ha sbagliato di meno. Le mule triestine sono apparse legnose, nervose e con una preoccupante incapacità realizzativa sia in azione che nei tiri liberi. Le due maggiori bocche da fuoco dell’Emt Castelletto e Milic insieme hanno tirato con un eloquente 3/26 e la squadra ha sbagliato addirittura 24 tiri liberi (18/42!!!). Viste queste percentuali al tiro, era impensabile per le salesiane riuscire a vincere il primo derby del campionato con Muggia. C'è tutto il tempo per recuperare e già a Sarcedo sabato prossimo attendiamo una pronta riscossa di Sacchi e compagne. 
Emt Oma Basket – Interclub Muggia 49:56 (18:11; 27:28; 38:45) Oma: A. Policastro 12, Castelletto 9, Tence 2, Abrami, Filippas 5, Gantar 6, F. Manin 3, Sacchi 4, Milic 8, C. Manin, Castellan. Ne: Sodomaco . All.: Jogan Interclub: Fumis 1, Ca. Miccoli, Dimitrijevic 5, Battistel 1, Peretti 1, Robba 4, Castagna n.e., Silli 14, Mervich 17, Predonzani 1, Giustolisi 2, Miccoli 7.

 

 

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Please reload

Please reload

Copyright © 2017 OMA Basket Trieste tutti i diritti riservati è vietata la riproduzione anche parziale se non autorizzati.

  • Facebook B&W
  • Instagram B&W